su di noi

La Nostra Storia

Le Origini

Borgo Bisai, quale nome migliore per identificare l’identità del luogo in cui ci troviamo. Bisai è infatti l’antroponimo/il sorenòm col quale venne ribattezzata la famiglia Blasigh, insediatasi in queste terre negli anni trenta del secolo scorso. Borgo Bisai racchiude in sé la storia di Dino e Luigia, compagni di una vita dedita al lavoro dei campi. Dino, originario di Gagliano di Cividale, si trasferisce con la famiglia a Ziracco all’età di nove anni; qui conosce Luigia, nata a Lestizza ma anche lei traferitasi nel territorio di Remanzacco in giovane età. Nel 1948 si sposano e dalla loro unione nascono Roberto e Liviana.

Luigia e Dino

Luigia e Dino

Agricoltori, come tutti a quei tempi, lavorano in affitto le terre di proprietà di una famiglia borghese della zona che si estendono su una superficie di circa 12 ettari. Dino, si occupava del governo degli animali della stalla in particolare dei cavalli da tiro che venivano impegnati principalmente nel lavoro dei campi, ma che talvolta fungevano anche da mezzi di trasporto per la ghiaia raccolta lungo il greto del Tagliamento per consegnarla ai cantieri edili.
Luigia si dedica alla cura della famiglia e della casa, all’allevamento degli animali da cortile, il maiale, le galline e i conigli, fondamentali all’economia famigliare, e della mungitura delle mucche che producevano il latte che poi sarebbe stato consegnato alla Latteria Turnaria di Ziracco per la trasformazione.
Con l’obiettivo di dare un senso ad anni di sacrifici, nei primi anni settanta Dino e Luigia decidono di acquistare la casa in cui vivevano ed una piccola parte dei terreni che fino a quel momento avevano lavorato in affitto.
Quello che è certo è che da Bisai non mancava mai l’ospitalità, e sul solco di un’abitudine pregressa e guadando verso un turismo sempre più diretto verso questa direzione, negli ultimi anni si è deciso di non limitare la propria attività alla sola produzione cerealicola ma di puntare nuovamente sull’ospitalità, da qui il progetto di riammodernare la vecchia stalla per ricavarne quattro alloggi agrituristici più una sala polifunzionale in grado di ospitare eventi e attività didattiche.

Ora l’Azienda Agricola di ettari ne conta una trentina, tra proprietà e affitti, dislocati principalmente nel Comune di Remanzacco ma con alcuni appezzamenti anche nei comuni di Premariacco, Povoletto e Faedis, condotti essenzialmente a seminativo e foraggere ed una piccola porzione impiantata a vigneto.

Didattica

La Sala Polifunzionale al piano terra è in grado di ospitare scolaresche in visita all’azienda agricola. All’esterno è stato creato un percorso didattico dedito all’apprendimento delle colture che meglio si prestano alla lavorazione sul terreno circostante. Per quanto concerne la didattica inoltre l’Azienda Agricola offre, qualora ci sia l’interesse, la possibilità di organizzare laboratori per bambini e ragazzi basati sulla commistione tra il lavoro dei campi e il mondo dell’Arte. A tale scopo l’Azienda si avvale della collaborazione di una professionista del settore, cultrice della Storia dell’Arte e operante nell’ambito dell’insegnamento.